esportare un PDF per la stampa

Esportare un PDF per la stampa con InDesign è semplice, ma non basta! Prima infatti bisogna progettare in modo consapevole, prestando attenzione a poche ma fondamentali accortezze.

Monitor e stampante appartengono a due mondi opposti e ragionano quindi in termini differenti, per questo è necessario organizzarsi fin dall’inizio. Non sai di cosa sto parlando? Allora dai un’occhiata all’articolo scorso, in cui si è parlato proprio di come generare un file di stampa corretto.

Dopo aver creato un documento adeguato allo step finale, ovvero la stampa, siamo pronti ad avviare InDesign ed esportare il nostro file. Tranquillo, si tratta solo di pochi passaggi. Pronto? Cominciamo!

Prima di iniziare, una piccola premessa. Ogni centro stampa ha i suoi requisiti, e il seguente vuole essere solo un tutorial di base. Assicurati quindi di fare riferimento alle linee guida della tua tipografia per far si che il documento si adegui perfettamente al flusso di lavoro.

Ok, abbiamo davanti a noi il progetto finito. Se sei sicuro di aver svolto un buon lavoro e di aver realizzato un documento adeguato, procedi pure nella lettura di questa guida che ti insegnerà come esportare un PDF per la stampa.

Come esportare un PDF per la stampa con InDesign

In genere il formato più utilizzato per esportare un file di stampa è il PDF. Quest’ultimo ci consente infatti di scegliere il profilo della macchina che prenderà in consegna il lavoro, generando uno stampato il più fedele possibile al progetto visto a monitor.

Andiamo quindi su File – Esporta e scegliamo Adobe PDF (stampa) dal menu a tendina.

esportare un PDF per la stampa

Una volta cliccato su Save potremo impostare i settaggi per una corretta esportazione del file di stampa.

Generali

La prima voce da selezionare nell’area Generali è Qualità tipografica, per il resto lasciamo tutto di default.

In genere in stampa non si mandano mai pagine affiancate, ma in caso ti fosse richiesto puoi sempre spuntare l’opzione Pagine affiancate anziché Pagine.

esportare un PDF per la stampa

Compressione

Passiamo alla scheda Compressione. Volendo potremmo ignorare il ricampionamento delle immagini, ma rischieremmo inutilmente di generare un file troppo pesante. I valori di fabbrica che vedi sono quelli ideali, quindi lasciali pure inalterati.

Il downsampling è un tipo di ricampionamento che riduce il numero di pixels di un’immagine.

InDesign ci offre tre metodi di interpolazione per svolgere quest’operazione, tra cui il downsampling bicubico a. Conviene lasciare questo, poiché risulta essere il metodo più equilibrato. È il più lento, ma è anche quello più preciso in grado di riprodurre le gradazioni di tonalità più uniformi.

Il downsampling porta inevitabilmente alla perdita di informazioni dell’immagine, ma grazie a una scelta ponderata di fattori quali metodo di interpolazione, compressione e qualità immagine, riusciremo a generare un PDF dalle dimensioni ragionevoli senza un’eccessiva perdita di dati.

esportare un PDF per la stampa

Indicatori e pagina al vivo

Alla scheda Indicatori e pagina al vivo spuntiamo la voce Segni di taglio. Si tratta di segmenti molto sottili che indicheranno allo stampatore le linee lungo cui tagliare.

Ancor più importante sarà impostare i margini dell’abbondanza. In teoria dovremmo averli già definiti in fase di progettazione, e in questo caso ci basterà mettere la spunta su Usa impostazioni pagina al vivo del documento. In caso contrario possiamo sempre settarli alla voce Pagina al vivo, ma ricorda che certe operazioni è bene effettuarle prima!

esportare un PDF per la stampa

Output

Abbiamo quasi terminato. La prossima sezione, Output, ci consentirà di scegliere il profilo colore della stampante ed effettuare quindi una corretta conversione in CMYK.

Selezioniamo quindi il profilo esatto alla voce Destinazione e scegliamo di includere i profili.

Cliccando invece su Gestione inchiostri potremo decidere di convertire le tinte piatte in quadricromia, qualora fossero presenti nel documento.

esportare un PDF per la stampa

Protezione

Tralasciamo l’area Avanzate, dal momento che questo predefinito Adobe mantiene la trasparenza.

A questo punto il file potrebbe già essere esportato, ma se ne abbiamo la necessità possiamo impostare una password per l’apertura del documento tramite la scheda Protezione, oppure scegliere di settarla per limitare stampa, modifiche e altre operazioni riguardo il PDF.

esportare un PDF per la stampa

È tutto. Ora siamo pronti per esportare un PDF per la stampa. Facile no?

Share: